Loading...

Follow DANDI on Feedspot

Continue with Google
Continue with Facebook
or

Valid
DANDI by Claudia Roggero - 2d ago

Per girare un documentario devi avere contratti e liberatorie blindate. Perché, per esempio, è fondamentale ottenere il consenso alle riprese di un documentario? Te lo spiego con questo esempio. Sto parlando di Aretha Franklin! Esce dopo 46 anni il documentario ‘Amazing Grace.’ Le registrazioni del disco furono riprese da Sydney Pollack con l’intenzione di realizzare un documentario, ma successive questioni legali ne hanno impedito l’uscita per quasi cinquant’anni! ‘Amazing Grace’ è stato girato da Sydney Pollack nel 1972. Aretha Franklin all’epoca aveva trent’anni. Incise il disco in due notti, registrando le esibizioni dal vivo all’interno della New Temple Missionary Baptist Church di Los Angeles. Sydney Pollack era presente. Girò circa venti ore di pellicola, ma un disguido tecnico fece sì che le immagini non si sovrapponessero correttamente con l’audio. Pollack commise l’errore di non usare i ciak zebrati mentre girava e a causa di questa svista fu molto difficile ricostruire la sequenzialità del filmato grezzo a riprese ultimate. Arriviamo così al 2007, anno in cui il produttore Alan Elliott acquista il girato e ne finanzia il restauro in digitale. Nel 2015 il film venne mostrato ad Aretha Franklin, che ne rimase soddisfatta. Ma gli avvocati della cantante ne bloccarono le proiezioni.  La

The post Girare un documentario su Aretha Franklin appeared first on DANDI.

Read Full Article
  • Show original
  • .
  • Share
  • .
  • Favorite
  • .
  • Email
  • .
  • Add Tags 
DANDI by Claudia Roggero - 3d ago

La durata del copyright si riferisce ai diritti di utilizzazione economica dell’opera dell’ingegno che sono soggetti a precisi limiti di durata. Solo i diritti relativi alla commercializzazione, pubblicazione, riproduzione e duplicazione dell’opera hanno una scadenza. Invece, non scade mai il diritto ad essere riconosciuto come l’autore dell’opera stessa Il diritto morale di autore in generale, invece, non soffre di nessuna limitazione temporale, poiché può essere esercitato, morto l’autore, dai soggette a lui legati da vincoli di parentela o coniugio indicati all’art 23 della legge sul diritto d’autore. La durata normale dei diritti di utilizzazione economica delle opere dell’ingegno è “per tutta la vita dell’autore e sino al termine del settantesimo anno solare dopo la sia morte” (art. 25 l.d.a.), secondo quanto disposto dalla Direttiva CEE 93/98, recepita nel nostro ordinamento con legge n. 52 del 6 febbraio 1996 (Legge Comunitaria 1994), successivamente abrogata e sostituita dalla Direttiva 2006/116/CE concernente la durata di protezione del diritto d’autore e di alcuni diritti connessi. La durata del diritto d’autore  Regola generale: Art. 25 LdA:  70 anni dalla morte dell’autore; Opere in comunione: Art. 26 Lda: 70 anni dalla morte dell’ultimo coautore sopravvissuto; Opere drammatico musicali, coreografiche e pantonimiche: Art. 26 LdA: 70 anni dalla morte dell’ultimo coautore sopravvissuto; Opere collettive:

The post Quando finisce il diritto d’autore? appeared first on DANDI.

Read Full Article
  • Show original
  • .
  • Share
  • .
  • Favorite
  • .
  • Email
  • .
  • Add Tags 
DANDI by Claudia Roggero - 5d ago

L’Academy Award, conosciuto anche come Premio Oscar o semplicemente Oscar, è il premio cinematografico più prestigioso e antico al mondo. È stato assegnato per la prima volta il 16 maggio 1929. Il nome ufficiale della statuetta dorata che fa da prova concreta di ricezione del Premio è Academy Award of Merit, mentre vi sono varie versioni su come venne coniato il nomignolo Oscar. Secondo la più accreditata, deriva da un’esclamazione di Margaret Herrick, impiegata all’Academy of Motion Picture Arts and Sciences, che vedendo la statuetta disse: “Assomiglia proprio a mio zio Oscar!” Ma ora viene il bello. Infatti il nome Oscar è un marchio registrato della stessa Academy of Motion Picture Arts and Sciences. Lo sapevi che proprio l’Academy of Motion Picture Arts and Sciences ha convenuto in giudizio dinanzi al Tribunale di Roma l’Associazione italiana dei Sommelier? Il fatto è che quest’ultima aveva utilizzato il marchio Oscar per contraddistinguere una premiazione nel settore enologico. L’Oscar del Vino è stato citato in giudizio dall’Oscar del cinema per contraffazione di marchio. Lo scopo della contraffazione sarebbe quello di trarre un indebito vantaggio dalla notorietà del marchio che contraddistingue le famose statuette del cinema. L’Oscar del cinema avrebbe voluto vietare l’utilizzo del nome Oscar per altre manifestazioni e premiazioni diverse da quella ufficiale.

The post L’importanza di chiamarsi Oscar appeared first on DANDI.

Read Full Article
  • Show original
  • .
  • Share
  • .
  • Favorite
  • .
  • Email
  • .
  • Add Tags 

Creare un’opera nuova utilizzando spezzoni di film Se si volessero usare spezzoni di vari film, sarebbe necessaria un’autorizzazione dai singoli autori? Si dovrebbero pagare i diritti per gli spezzoni utilizzati? La risposta l’ho data con un parere legale ad un cliente che stava organizzando una mostra/ evento culturale. Una società che organizzava eventi, durante il corso di una mostra dedicata ad un personaggio storico, avrebbe voluto dedicare una sala ai vari film che lo vedevano protagonista, mettendo insieme i vari spezzoni che lo riguardavano e descrivendone, cosi, la sua personalità. Gli spezzoni erano rimontati con un filone logico e senza aggiunta di musica, ma con i dialoghi originali. La legge sul diritto d’autore si riferisce ad opere del genere definendole opere audiovisive, di per sé protette dal diritto in quanto opere autonome (Art. 3 della legge 633/41). Si tratta di opere assimilabili alle opere cinematografiche ma che si esprimono mediante un insieme organico di immagini in movimento corredate da suoni o musiche, non necessariamente a contenuto narrativo (senza pretesa esaustiva lo sono i videoclip musicali, i programmi televisivi di intrattenimento ed i videogiochi). Gli spezzoni sono vere e proprie sequenze di film ripresi con i relativi dialoghi inseriti però in

The post Spezzoni di film: si devono pagare i diritti d’autore? appeared first on DANDI.

Read Full Article
  • Show original
  • .
  • Share
  • .
  • Favorite
  • .
  • Email
  • .
  • Add Tags 
DANDI by Claudia Roggero - 1M ago

Podcast: cosa sono e come realizzarli Un podcast è un programma radio su Internet. Si può ascoltare abbonandosi ai servizi che fanno podcast, si può scaricare e soprattutto si può essere aggiornati tutte le volte che vengono aggiunti nuovi contenuti dagli autori.Podcast è l’unione di iPod e Broadcasting. Il primo è il nome dei lettori MP3 portatili della Apple. Il secondo è un termine tecnico del mondo della radio/tv diffusione. Cosa sono i podcast Un podcast è una trasmissione radio o video (da intendere come un programma o, comunque, un contenuto) registrata digitalmente, resa disponibile su Internet (e fin qui nulla di nuovo), ma utilizzando un codice che la rende scaricabile e riproducibile in un secondo momento, anche su un lettore portatile. Il podcast, offre diversi vantaggi: si possono scaricare i files in presenza di una connessione wifi (per esempio a casa) e poi ascoltarli mentre si è in viaggio, senza bisogno di consumare dati (off-line); si può scegliere il giorno e l’orario di ascolto; si può interrompere l’ascolto e riprenderlo quando si vuole. Come fare un podcast Creare, promuovere e distribuire il tuo podcast al pubblico online non è per niente complicato. Molti blogger li usano e per questo stanno diventando sempre più popolari. Puoi

The post Podcast: cosa sono e come realizzarli appeared first on DANDI.

Read Full Article
  • Show original
  • .
  • Share
  • .
  • Favorite
  • .
  • Email
  • .
  • Add Tags 

Quando vengono pubblicate recensioni Tripadvisor le verifica? Qual è la prima cosa che fai prima di partire per le vacanze? Io faccio una bella visita a Tripadvisor per vedere quali sono i posti più belli da vedere, le cose da fare, i ristoranti dove mangiare. Ho molto rispetto del giudizio degli altri e leggo sempre le recensioni. Non ho mai pensato che potrebbero essere false o che qualcuno potesse venderle a pacchetti. Effettivamente, mi rendo conto, il mio pensiero era parecchio naif. In Salento, infatti, qualcuno ha pensato bene di vendere pacchetti di recensioni per far salire in classifiche le strutture paganti! Un business forse redditizio ma molto pericoloso. Cosa succede se scrivi recensioni false su Tripadvisor? Secondo la legge italiana scrivere recensioni false utilizzando un’identità falsa è un crimine. Si hai capito bene. Non si tratta di un illecito civile ma di un vero e proprio crimine. Lo dice il Tribunale penale di Lecce, in uno dei primi casi legali nel suo genere. Il fatto è questo. Il proprietario di PromoSalento vendeva pacchetti di recensioni false ai business dell’ospitalità in Italia. Per questo è stato condannato a 9 mesi di prigione e al pagamento di circa 8mila euro per spese

The post Cosa succede quando vengono pubblicate recensioni false su Tripadvisor? appeared first on DANDI.

Read Full Article
  • Show original
  • .
  • Share
  • .
  • Favorite
  • .
  • Email
  • .
  • Add Tags 

Separate tags by commas
To access this feature, please upgrade your account.
Start your free month
Free Preview